Blog & Video Review

Registrare chitarra su pc

  • Autore: Garage Studio Live
  • Data: 25 ott 2011
  • Categoria: Guide

clicca “mi piace” qui sopra se hai trovato utile questa guida

Registrare la chitarra su pc è una azione di per sé semplice, colleghi un paio di cavi, apri un programma per registrare audio, e la registrazione della tua esecuzione viene salvata all’interno del tuo computer. Come in uno studio di registrazione !

Niente di più semplice!

Ma se stai leggendo questa guida, probabilmente non è stato proprio così semplice per te!

Quindi leggi bene fino in fondo questo articolo, ti spiegherò i passi più importanti per registrare la chitarra su pc in maniera corretta e con un risultato che ti soddisferà appieno!

bottone-registra-con-noi

Per iniziare, INTONAZIONE

Lo so sembra scontato, ma prima di tutto verifica che la tua chitarra sia ben intonata, cioè accordata e con le ottave sistemate per benino. Per ottava cosa intendo? Suona il mi basso a vuoto ed accordalo, poi sempre sulla stessa corda premi il 12 tasto (ottava alta) e verifica sull’accordatore che l’ottava alta sia il più possibile vicino all’intonazione corretta. Se ciò non fosse devi agire su delle viti presenti sul ponte della chitarra (nel caso di una chitarra acustica è molto complicato, il ponte è fisso e l’unica soluzione è farsi fare un ponte ad hoc da un liutaio) e fare in modo che l’ottava alta suoni intonata muovendo al relativa selletta in avanti o indietro.

Ripeti questa operazione per ogni corda.

Difficile? Chiedi ad un amico che abbia più esperienza di te o porta la chitarra da un liutaio.

Credimi, è davvero importante, un sacco di session fatte qui in studio di registrazione al Garage hanno spiazzato i chitarristi, pensavano che il loro strumento fosse ok ed invece no…tutti dal liutaio altrimenti la registrazione si blocca!!!

I problemi di intonazione alle ottave alte è udibile in maniera chiara quando sovraincidiamo più chitarre, che eseguono un giro armonico su differenti posizioni della tastiera. Udirai dei battimenti, e saranno molto fastidiosi!

Poi fatemi un favore, usate corde in buono stato (migliorano suono ed intonazione) e fate attenzione che le corde non frustino troppo (per frustare si intende quel suono metallico che produce la corda quando sfiora un tasto, indicando una action troppo bassa segui questo link per capire meglio http://suonarechitarra.com/2010/07/22/corso-chitarra-cose-e-come-si-regola-laction-della-chitarra/).

bottone-registra-con-noi

IL CAVO per chitarra

Bene, se la chitarra è a posto, passiamo al cavo. Il cavo per chitarra elettrica o acustica deve essere di ottima qualità. Spiegare qui le motivazioni dal punto di vista elettrico è fuori luogo, ma voglio almeno sfatare alcuni luoghi comuni:

1-    il cavo per chitarra con il colore più figo non è sinomino di qualità…

2-    il cavo per chitarra con la sezione in diametro più grande non è sinomino di qualità…anzi è il contrario…

Quindi, quale cavo scegliere? Il miglior cavo è quello che costruisci tu con le tue mani. Risparmio e qualità garantita (mi è capitato di sistemare blasonati marche di cavi ed una volta aperti ho trovato l’inferno…)

  • Cosa mi serve per costruire un buon cavo?

Innanzitutto uno stagnatore da 25/35 watt (ne più ne meno), stagno, forbice spelacavi (quella da elettricisti), una morsa, un paio connettori jack mono, e qualche metro di cavo per chitarra!!!

  • La stagnatura

è importante che venga eseguita ad arte. La stagnatura deve risultare lucida come uno specchio (stagnatura calda). Una stagnatura opaca (fredda) risulta poco conduttiva e quindi parte del suono verrà persa. Inoltre alla fine dell’operazione non ci devono essere fili di rame a contatto con l’aria, tutto il rame deve essere coperto di stagno.

  • Connettori jack mono

gli unici degni di questo nome sono quelli prodotti da Neutrik, azienda leader nel settore. Credetemi valgono tutto quello che costano, non si romperanno mai e garantiscono la migliore conduttività del segnale!

  • Cavo

Non mi dilungo nemmeno qui, ma se volete seguire un consiglio e andare sul sicuro, ho riscontrato una qualità a dir poco stupefacente dal cavo Mogami w2524 ad un prezzo assolutamente raggiungibile da chiunque. Controllate http://www.smap.it/Cavo-bulk_MOGAMI-W2524-CAVO-HIT-PER-STRUMENTI-p5409ur.aspx

Aquistate i metri di cavo che vi servono ED ATTENZIONE! Se utilizzate effetti per chitarra quali pedalini o diavolerie varie, non pensate che vada bene qualsiasi cavo corto per collegarli fra di loro. NO! Bisogna mantenere la qualità lungo tutta la tratta che va dalla chitarra all’amplificatore o alla scheda per registrare su pc. Quindi acquista i metri necessari per costruire anche i cavi corti (cavi patch).

Amplificatore per chitarra

Ora che tutto ciò che sta a monte dell’amplificatore è ok dobbiamo ragionare per bene sull’uso dell’amplificatore per chitarra. Anche questo deve essere in buono stato, non ci devono essere rumori meccanici provocati dall’amplificatore stesso (nel caso ci fossero controlla e serra bene tutte le viti).

Dopodichè va regolato ad hoc a seconda dei gusti personali e del genere musicale. In ogni caso il suono deve risultare equilibrato tra bassi, medi e presenza di armonici alti, quindi devi agire sui controlli di tono dell’amplificatore. Prova varie combinazioni, e considera anche il controllo di tono della tua chitarra, non annoiarti mai di sperimentare!

Microfono

Il classico microfono per riprendere il suono di un amplificatore da chitarra elettrica è lo Shure sm 57. Tra l’altro è un microfono veramente versatile, ci puoi registrare davvero di tutto, provare per credere!

Altro microfono standard è il Sennheiser e-609. Davvero molto bello soprattutto sui distorti. Rispetto allo Shure sm-57 meno versatile per quanto riguarda la ripresa di altri strumenti.

Ecco questo è l’entry level per modo di dire, visto che anche nei più blasonati studi di registrazione vengono usati i suddetti come microfono per chitarra elettrica.

Se le tue tasche lo permettono puoi anche provare il Sennheiser md-421, molto usato anche per percussioni e fiati. E non lo escluderei nemmeno come microfono per chitarra acustica, vista la sua ampia risposta in frequenza e la tendenza ad essere “brillante”

Oppure anche un bel microfono a nastro (per gli inglesi “ribbon microphone”) può essere davvero un ottima scelta in alcuni casi, suona davvero naturale, sembra di avere le orecchie davanti all’amplificatore. Pecca il costo, il fatto di essere delicato, e di avere una figura polare bidirezionale (significa che sente tanto davanti quanto dietro) quindi una stanza ben suonante è prerogativa per l’utilizzo di questo microfono. Se registrate nel garage di un condominio il microfono a nastro non è un buona scelta visto che vi farà sentire tutto il riverbero!

Anche un microfono a condensatore a diaframma largo da ottimi risultati, vedi l’Audio Technica 4040. Tra l’altro questo potrebbe andare molto bene anche come microfono per chitarra acustica (e la voce, la batteria, direi quasi tutto!)

E come posizionamo il microfono? Qui usiamo un po’ di gusto. Tieni conto che al centro del cono abbiamo tutte le frequenze che emette il cono. Man mano che ti sposti per il bordo dello stesso il timbro risulterà via via più scuro e morbido. A te la scelta. Per quanto riguarda la distanza, si parte da un minimo di 5 cm. Più ci allontaniamo e più il microfono catturerà il suono della stanza (può essere gradevole) e risulterà più naturale. E soprattutto meno gonfio sulle basse frequenze. E qui vi svelo una legge, la legge dell’effetto prossimità. Più un microfono direzionale (quindi tutti i diagrammi polari escluso l’omnidirezionale) è vicino alla sorgente, più le basse frequenze saranno esaltate.

Quindi il suono è ingolfato sulle basse? Prova ad allontare il microfono di qualche centimetro, il risultato sarà molto diverso!

Ti insegno anche un altro trucco da associare con il posizionamento al centro o verso il bordo del cono, prova ad angolare il microfono sull’asse del cono anche di 45°, udrai un sensibile cambiamento timbrico associato ad una diminuzione delle alte frequenze.

Quindi se ritieni il suono troppo spigoloso sulle medio/alte frequenze, prova angolazioni diverse del microfono rispetto all’asse dell’altoparante del microfono per chitarra.

bottone-registra-con-noi

Registrare chitarra su pc

Ora siamo ad un punto cruciale della guida, al punto cioè che dobbiamo registrare la chitarra su pc

Abbiamo collegato un amplificatore per chitarra?

Bene, il microfono che usi per catturare il suono del tuo amplificatore va collegato mediante un cavo microfonico (quello con i connettori xlr) all’ingresso microfonico della scheda audio, a sua volta collegata via usb oppure firewire oppure pci al tuo computer.

Se è la chitarra ACUSTICA che dovete registrare devi tenere in considerazione 2 cose:

  • Il microfono a condensatore è la migliore scelta per registrare la chitarra acustica
  • il classico posizionamento è quello che punta il microfono in asse con il manico e che guarda il 12° tasto della chitarra. Qui avremo un buon bilanciamento di bassi (che escono dalla buca), suono del plettro o dita (che danno attacco e definizione) ed armonici delle corde. La distanza classica è di circa 30 cm. Se optate per un suono più legnoso dovrete spostare il posizionamento dal 12° tasto verso il ponte della chitarra acustica, qui infatti riprenderete più gli armonici della tavola armonica

Tieni conto di questi 2 punti e collega il cavo xlr in uscita dal microfono nell’ingresso della tua scheda audio per registrare la chitarra su pc

 

La tua chitarra acustica ha la possibilità di essere amplificata/registrata CON UN CAVO JACK?

Bene questo significa che la tua chitarra è munita di un pick up piezolettrico (molto utile dal vivo perché evita i feedback). Questo facilita tantissimo la registrazione (anche se il suono non  sarà bello) perché basterà collegare la tua chitarra ad una d.i. box (direct injection box) tramite un cavo jack (magari quello costruito per la chitarra elettrica!) e la d.i. box alla scheda audio tramite un cavo microfonico xlr.

Cos’è una d.i. box? Significa direct inject box, ed interfaccia un segnale ad alta impedenza come quello dei pick up (quindi chitarra acustica ma anche elettrica) al sistema di registrazione convertendolo in un segnale a bassa impedenza come quello microfonico. Questo evita che ci siano differenze di impedenza tra ingresso ed uscita, e non ci sarà perdita di segnale soprattutto sulle alte frequenze.

Con una d.i. box il segnale in uscita dal pick up manterrà inalterate le sue caratteristiche timbriche e pronto ad essere registrato su di un pc!

Nota bene che spesso e volentieri la d.i. box per chitarra acustica spesso è integrata nella scheda di registrazione audio, la puoi identificare se è presente un ingresso jack contrassegnato da una scritta instrument input. Questa denominazione sta ad indicare che è un ingresso ad alta impedenza, quindi adatto per amplificare pick up della chitarra, sia che essa sia acustica che elettrica.

Registrare la CHITARRA ELETTRICA TRAMITE D.I. BOX oppure tramite instrument input non è una bestemmia! Anzi, ormai ogni programma per registrare audio ha integrato un simulatore di amplificatore di chitarra elettrica. Questi plug-in potranno stupirti davvero ed evitarti un sacco di rogne con il portafogli ed i vicini di casa che mal sopporteranno il tuo amplificatore tirato a manetta!

Ed avrai tutti gli effetti per chitarra elettrica che hai sempre desiderato! A portata di click!

E la scheda audio?

Per registrare la chitarra acustica oppure elettrica su pc serve una interfaccia audio. Come già accennavo queste schede audio possono innanzi tutto essere suddivise in base al collegamento che offrono al pc:

  • usb: il più diffuso ovviamente. Il meno performante guarda caso…perché non offre le prestazioni di un collegamento firewire (vedi sotto)
  • firewire: poco diffuso dato il maggiore costo di installazione. Ma performante. Di fatto fa comunicare il pc con l’interfaccia in senso bidirezionale (usb comunica alternativamente in entrate ed in uscita, mai contenporaneamente) migliorando di fatto il flusso dati e quindi la registrazione audio. Permette inoltre un collegamento a cascata fra le interfacce. Significa che posso collegare una scheda audio all’ingresso firewire del mio computer, ed un hard disk firewire esterno alla scheda audio dove effettivamente conservate la registrazione audio (soluzione che consiglio caldamente se lavorate con l’audio/video).
  • Pci: la migliore soluzione, la più veloce e stabile in assoluto perché la scheda audio comunica direttamente con il bus di sistema del pc senza processori di mezzo come nelle precedenti due soluzioni

Scelto il collegamento che ritieni più opportuno opta per la scheda audio che ti permette di soddisfare le tue esigenze tecniche:

  • sei un solista e registrerai uno strumento alla volta? Scegli una interfaccia con pochi ingressi e poche uscite, diciamo 4 in e 4 out al massimo saranno più che sufficienti per fare tutto
  • vuoi registrare la tua band? Qui 8 ingressi saranno di aiuto, se non altro per registrare la batteria! Se poi devi mandare in cuffia contemporaneamente il segnale ai tuoi amici musicisti opta per la scheda che oltre agli 8 ingressi abbia anche 8 uscite.
  • Non hai un mixer? Significa che 1)ti accontenti dei canonici due ingressi microfonici/instrument di una scheda audio standard oppure 2)scegli una scheda audio che abbia si 8 ingressi ma tutti microfonici! In questo modo puoi collegare fino ad 8 microfoni direttamente alla scheda audio senza dover per forza di cose acquistare un mixer

bottone-registra-con-noi

Programma per registrare audio

Quale programma usare per registrare audio? In linea di massima esistono una quantità infinita di software per creare musica, ma non voglio annoiarti (nemmeno io!) con un elenco infinito di programmi per registrare la chitarra.

Sostanzialmente ti indirizzo verso d.a.w. complete, magari non facili da usare al primo arrivato. Ma mi piace pensare che i fruitori di questa guida vogliano progredire piuttosto che rimanere fermi a standard bassi!

Voglio indicarti i due programmi freeware, quindi gratis, più diffusi ed efficenti

Entrambi sono freeware e multipiattaforma, significa che si possono installare su Linux, Osx e Windows.

Conclusioni

Spero di essere stato esaudiente, e se ti è piaciuta questa guida ti sarei grato se cliccassi “mi piace” in alto sui social networks.

Non disdegno nemmeno un commento sul blog qui sotto! Anzi, sono aperte a consigli e suggerimenti per migliorare questa o per creare altre guide!

Corso tecnico del suono

Ah! E se proprio volete scoprire un sacco di segreti sull’audio, ISCRIVETEVI AL CORSO DI TECNICO DEL SUONO organizzato al Garage Studio e da me condotto, completissimo e costa davvero poco!

Seguite il link per info sul corso: http://www.garagestudiolive.com/sala-di-registrazione/corsi-di-tecnico-del-suono/

registrare chitarra su pc

4 Commenti per “Registrare chitarra su pc”

  1. consiglio per una scheda “economica” per me? registro da solo la chitarra elettrica più o meno occasionalmente, qualche cosa di economico che si adatti bene alla mia situazione? grazie!

    Commento by Simone — 01/12/2012 @ 21:29
  2. sono sempre io, e se bypassassi la parte della scheda? se collegassi direttamente il mic al pc? la scheda audio del pc non è buona?

    Commento by Simone — 01/12/2012 @ 21:31
  3. Ciao Simone, vai con questa, nn te ne pentirai http://www.thomann.de/it/maudio_essential_recording_studio.htm

    Commento by Garage Studio Live — 01/12/2012 @ 23:23
  4. Ciao Ruggero,

    Breve guida, ma esaustiva!
    Confermo il consiglio dato a Simone: Scheda audio M-Audio Fast Track; usata anch’io in casa per creare tracce guida da mandare in cuffia durante la registrazione presso lo studio professionale

    Commento by Enrico — 11/11/2013 @ 14:26

Scrivi un Commento

  • L'indirizzo E-Mail non viene pubblicato

2v0-620 , lx0-103 , pmp , 1z0-060 , 101-400 , 200-120 , 070-341 , mb2-708 , 300-070 , 352-001 , mb6-703 , 642-732 , 70-532 , 640-916 , 070-483 , 70-980 , 210-065 , 70-461 , cas-002 , hp0-s42 , 70-483 , 642-996 , 1y0-201 , 300-206 , 642-999 , 70-487 , 1z0-060 , 70-410 , 070-486 , 1z0-060 , ns0-157 , 2v0-621 , 70-412 , 400-201 , 300-101 , og0-093 , 101-400 , 070-486 , c_tfin52_66 , SY0-401 , 70-532 , LX0-104 , 210-065 , EX200 , OG0-093 , ITILFND , 1Z0-061 , M70-201 , A00-211 , PMP , 300-320 , N10-006 , 300-206 , 300-101 , 070-341 , CBAP , 642-732 , MB2-708 , 9L0-012 , 640-916 , 642-999 , 070-483 , 100-101 , 642-035 , A00-211 , 70-488 , 3002 , MB5-705 , 352-001 , 70-346 , A00-211 , 3002 , CBAP , 1Z0-061 , 640-911 , 70-487 , 70-486 , 1z0-808 , ADM-201 , CISSP , 102-400 , ICBB , 642-999    | LX0-104    | 1V0-601    | 70-483    | 70-461    | C4040-250 exam    | 300-115 exam    | 640-554 exam    | 70-533 exam    | 70-532 exam    | 640-875    | SY0-401    | 352-001    | 640-692    | 70-411    | 70-533    | EX300    | CCA-500    | 70-533    | NS0-157    | 101-400    | 640-911    | 810-403    | 070-341    | 700-505    | 70-462    | HP0-D30    | E10-001    | 210-451    | 70-680    | 1V0-605    | HP2-B115    | HP0-J73    | C2020-702    | 1V0-601    | cheap football shirts    | cheap football shirts    | cheap football shirts    | cheap football shirts    | cheap football shirts    | cheap football shirts    | cheap football shirts    | cheap-football-shirts-prodirectsoccer    | cheap-football-shirts-discountfootballkits    | cheap-football-shirts-subsidesports    | cheap-football-shirts-uksoccershop    | cheap-football-shirts-mandmdirect    | cheap-football-shirts-mandmdirect-spot    | cheap-football-shirts-sportsdirect    | cheap-football-shirts-startfootball    | cheap-football-shirts-manutd    | cheap-football-shirts-directsoccer    | cheap-football-shirts-celticsuperstore    | cheap-football-shirts-classicfootballshirts    | cheap-football-shirts-prosocceruk    | cheap-football-shirts-kitking    | cheap-football-shirts-historicalkits    | cheap-football-shirts-teamsportdirect    | cheap-football-shirts-soccerkits    | windows 7 product key    | windows 7 key    | windows 7 product key    | Windows 7 Key , Windows 7 Key , Windows 8 Key , Windows 10 Key , Office 2013 Key , Office 2010 Key , Office 2016 Key ,

Presentazione:

Contatto e Recapiti:

I nostri Partners:

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK